lunedì 7 marzo 2016

Sono qui a rapporto ...





Un sacerdote stava camminando in chiesa verso mezzogiorno e passando dall'altare decise di fermarsi lì vicino per vedere chi era venuto a pregare. In quel momento si aprì la porta, il sacerdote inarcò il sopracciglio vedendo un uomo che si avvicinava; l'uomo aveva la barba lunga di parecchi giorni, indossava una camicia consunta, aveva una giacca vecchia i cui bordi avevano iniziato a disfarsi. L'uomo si inginocchiò, abbassò la testa, quindi si alzò e uscì.
Nei giorni seguenti lo stesso uomo, sempre a mezzogiorno, tornava in chiesa con una valigia... si inginocchiava brevemente e quindi usciva.
Il sacerdote, un po' spaventato, iniziò a sospettare che si trattasse di Un ladro, quindi un giorno si mise davanti alla porta della chiesa e quando l'uomo stava per uscire dalla chiesa gli chiese: "Che fai qui?"
L'uomo gli rispose che lavorava in zona e aveva mezz'ora libera per il pranzo e approfittava di questo momento per pregare, "Rimango solo un momento, sai, perché la fabbrica è un po' lontana, quindi mi inginocchio e dico: "Signore, sono venuto nuovamente per dirti quanto mi hai reso felice quando mi hai liberato dai miei peccati... non so pregare molto bene, però ti penso tutti i giorni...
Beh, Gesù... qui c'è Jim a rapporto"
Il padre si sentì uno stupido, disse a Jim che andava bene, che era il benvenuto in chiesa quando voleva.
Il sacerdote si inginocchiò davanti all'altare, si sentì riempire il cuore dal grande calore dell'amore e incontrò Gesù.
Mentre le lacrime scendevano sulle sue guance, nel suo cuore ripeteva la preghiera di Jim:
"Sono venuto solo per dirti, Signore, quanto sono felice da quando ti ho incontrato attraverso i miei simili e mi hai liberato dai miei peccati... non so molto bene come pregare, però penso a te tutti i giorni... Beh, Gesù... eccomi a rapporto!"
Dopo qualche tempo il sacerdote notò che il vecchio Jim non era venuto. I giorni passavano e Jim non tornava a pregare.
Il padre iniziò a preoccuparsi e un giorno andò alla fabbrica a chiedere di lui; lì gli dissero che Jim era malato e che i medici erano molto preoccupati per il suo stato di salute, ma che tuttavia credevano che avrebbe potuto farcela.
Nella settimana in cui rimase in ospedale Jim portò molti cambiamenti, egli sorrideva sempre e la sua allegria era contagiosa. La caposala non poteva capire perché Jim fosse tanto felice dato che non aveva mai ricevuto né fiori, né biglietti augurali, né visite. Il sacerdote si avvicinò al letto di Jim con l'infermiera e questa gli disse, mentre Jim ascoltava:
"Nessun amico è venuto a trovarlo, non ha nessuno".
Sorpreso il vecchio Jim disse sorridendo:
"L'infermiera si sbaglia... lei non può sapere che tutti i giorni, da quando sono arrivato qui, a mezzogiorno, un mio amato amico viene, si siede sul letto, mi prende le mani, si inclina su di me e mi dice: "Sono venuto solo per dirti, Jim, quanto sono stato felice da quando ho trovato la tua amicizia e ti ho liberato dai tuoi peccati.. Mi è sempre piaciuto ascoltare le tue preghiere, ti penso ogni giorno....
Beh, Jim... qui c'è GESU' a rapporto!"
Da oggi, ogni giorno, non possiamo perdere l'opportunità di dire a Gesù: "Sono qui a rapporto!"
E' strano come inviamo frasi e barzellette attraverso la posta elettronica..., però quando possiamo inviare messaggi spirituali, ci pensiamo due volte prima di condividerli con altri.
E' strano come la lussuria cruda, volgare e oscena passa liberamente attraverso il ciberspazio, mentre il parlare pubblicamente di Gesù sia evitato nelle scuole o nell'ambiente di lavoro.
E' curioso, vero? Ma ancora più strano è come qualcuno possa essere devoto a Cristo la domenica, ed al tempo stesso essere un cristiano invisibile per il resto della settimana.



Preghiera di Salomone


lunedì 24 agosto 2015

Oggi sono riuscito ad aprire nuovamente il Blog

sabato 4 agosto 2012

San Giovanni Maria Vianney - Curato d'Ars


Giovanni Maria (Jean-Marie, in francese) Vianney, quarto di sei figli, nacque a Dardilly l’8 maggio 1786, da Mathieu e da Marie Béluse. La sua era una famiglia contadina di discrete condizioni, con una solida tradizione cristiana, prodiga nelle opere di carità.
I suoi studi sono stati un disastro, e non solo per la Rivoluzione francese…: è lui che non ce la fa col latino, non sa argomentare né predicare… Per farlo sacerdote c’è voluta la tenacia dell’abbé Charles Balley, parroco di Ecully, presso Lione: gli ha fatto scuola in canonica, l’ha avviato al seminario, lo ha riaccolto quando è stato sospeso dagli studi e, dopo un altro periodo di preparazione, lo fa ordinare sacerdote a Grenoble il 13 agosto 1815, a 29 anni, mentre gli inglesi portano Napoleone prigioniero a Sant’Elena.
Giovanni Maria Vianney, appena prete, torna a Ecully come vicario dell’abbé Balley. Vi rimase per poco più di due anni, fino alla morte del suo protettore, avvenuta il 16 dicembre 1817. Allora lo mandano vicino a Bourg-en-Bresse, ad Ars, un borgo con meno di trecento abitanti, che diventerà parrocchia soltanto nel 1821: poca gente, frastornata da 25 anni di sconquassi.
Il curato d’Ars è tra questa gente, con un suo rigorismo male accetto, con la sua impreparazione, tormentato dal sentirsi incapace. Aria di fallimento, angoscia, voglia di andarsene…ma dopo alcuni anni ad Ars viene gente da ogni parte : quasi dei pellegrinaggi. Vengono per lui, conosciuto in altre parrocchie dove va ad aiutare o a supplire parroci, specie nelle confessioni. Le confessioni: ecco perché vengono. Questo curato deriso da altri preti, e anche denunciato al vescovo per le “stranezze” e i “disordini”, è costretto a stare in confessionale sempre più a lungo (10 e più ore al giorno).
E ormai ascolta anche il professionista di città, il funzionario, la gente autorevole, chiamata ad Ars dai suoi straordinari talenti nell’orientare e confortare, attirata dalle ragioni che sa offrire alla speranza, dai mutamenti che il suo parlare tutto minuscolo sa innescare. Qui si potrebbe parlare di successo, di rivincita del curato d’Ars, e di una sua trionfale realizzazione. Invece continua a credersi indegno e incapace, tenta due volte la fuga e poi deve tornare ad Ars, perché lo aspettano in chiesa, venuti anche da lontano.
Sempre la messa, sempre le confessioni, fino alla caldissima estate 1859, quando non può più andare nella chiesa piena di gente perché sta morendo. Paga il medico dicendogli di non venire più: ormai le cure sono inutili, ed infatti raggiunge il Padre il 4 agosto.
Annunciata la sua morte, “treni e vetture private non bastano più”, scrive un testimone. Dopo le esequie il suo corpo rimane ancora esposto in chiesa per dieci giorni e dieci notti.
S. Pio X (Giuseppe Sarto, 1903-1914) lo ha proclamato Beato l’8 gennaio 1905: è stato ca-nonizzato il 31 maggio 1925 da Pp Pio XI (Ambrogio Damiano Achille Ratti, 1922-1939 ), che nel 1929 lo ha anche dichiarato Patrono dei parroci.
Nel centenario della morte, il 1 agosto 1959, il Beato Giovanni XXIII (Angelo Giuseppe Roncalli, 1958-1963) , gli dedicò una enciclica: “Sacerdotii Nostri Primordia” additandolo a modello dei sacerdoti : «Parlare di San Giovanni Maria Vianney è richiamare la figura di un sacerdote straordinariamente mortificato, che, per amore di Dio e per la conversione dei peccatori, si privava di nutrimento e di sonno, s’imponeva rudi discipline e praticava soprattutto la rinunzia di se stesso in grado eroico. Se è vero che non è generalmente richiesto ai fedeli di seguire questa via eccezionale, tuttavia la Divina Provvidenza ha disposto che nella Chiesa non mancassero mai pastori di anime che, mossi dallo Spirito Santo, non esitano ad incamminarsi per questo sentiero, poiché sono tali uomini specialmente che operano miracoli di conversioni… »
Il Beato Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), era un grande ammiratore e devoto del santo curato d’Ars (cfr. Dono e mistero, LEV, Città del Vaticano, 1996 – pag. 65-66).
In occasione del 150° anniversario della sua morte, è stato indetto, da Pp Benedetto XVI, un “Anno Sacerdotale” dedicato alla sua figura di cui, qui di seguito, un estratto del discorso ai partecipanti alla plenaria della congregazione per il clero (sala del concistoro lunedì, 16 marzo 2009): « Proprio per favorire questa tensione dei sacerdoti verso la perfezione spirituale dalla quale soprattutto dipende l’efficacia del loro ministero, ho deciso di indire uno speciale “Anno Sacerdotale”, che andrà dal 19 giugno prossimo fino al 19 giugno 2010. Ricorre infatti il 150° anniversario della morte del Santo Curato d’Ars, Giovanni Maria Vianney, vero esempio di Pastore a servizio del gregge di Cristo… »

venerdì 3 agosto 2012

L'uomo delle croci

Un uomo viaggiava, portando sulle spalle tante croci pesantissime.
Era ansante, trafelato, oppresso e, passando un giorno davanti ad un crocifisso, se ne lamentò con il Signore così:
“Ah, signore, io ho imparato nel catechismo che tu ci hai creato per conoscerti, amarti e servirti…
Ma invece mi sembra di essere stato creato soltanto per portare le croci!
Me ne hai date tante e così pesanti che io non ho più forza per portarle…”.
Il Signore però gli disse: “Vieni qui, figlio mio, posa queste croci per terra ed esaminiamole un poco…
Ecco, questa è la croce più grossa e la più pesante; guarda cosa c’ è scritto sopra…”.
Quell’uomo guardò e lesse questa parola: SENSUALITA’.
“Lo vedi?”, disse il Signore, “questa croce non te l’ho data io, ma te la sei fabbricata da solo.
Hai avuto troppa smania di godere, sei andato in cerca di piaceri, di golosità, di divertimenti…
E di conseguenza hai avuto malattie, povertà, rimorsi”.
“Purtroppo è vero, soggiunse l’uomo, questa croce l’ho fabbricata io! E’ giusto che io la porti!”.
Sollevò da terra quella croce e se la pose di nuovo sulle spalle.
Il Signore continuò: “Guarda quest’ altra croce. C’è scritto sopra: AMBIZIONE.
Anche questa l’hai fabbricata tu, non te l’ho data io.
Hai avuto troppo desiderio di salire in alto, di occupare i primi posti, di stare al di sopra degli altri…
E di conseguenza hai avuto odio, persecuzione, calunnie, disinganni”.
“E’ vero, è vero! Anche questa croce l’ho fabbricata io! E’ giusto che io la porti!”. Sollevò da terra quella seconda croce e se la mise sulle spalle.
Il Signore additò altre croci, e disse: “Leggi. Su questa è scritto GELOSIA, su quell’altra: AVARIZIA su quest’altra…”.
“Ho capito, ho capito Signore, è troppo giusto quello che tu dici…”.
E prima che il Signore avesse finito di parlare, il povero uomo aveva raccolto da terra tutte le sue croci e se le era poste sulle spalle.
Per ultima era rimasta per terra una crocetta piccola piccola e quando l’uomo la sollevò per porsela sulle spalle, esclamò:
“Oh! Come è piccola questa! E pesa poco!“. Guardò quello che c’era scritto sopra e lesse queste parole:
“La croce di Gesù”.
Vivamente commosso, sollevò lo sguardo verso il Signore ed esclamò: “Quanto sei buono!”. Poi baciò quella croce con grande affetto.
E il Signore gli disse: “Vedi, figlio mio, questa piccola croce te l’ho data io, ma te l’ho data con amore di padre; te l’ho data perché voglio farti acquistare merito con la pazienza; te l’ho data perché tu possa somigliare a me e starmi vicino per giungere al cielo, perché io l’ho detto:
‘Chi vuole venire dietro a me prenda la sua croce ogni giorno e mi segua…’, ma ho detto anche: ‘il mio giogo è soave e il mio peso è leggero’.”
L’uomo delle croci riprese silenzioso il cammino della vita; fece ogni sforzo per correggersi dei suoi vizi e si diede con ogni premura a conoscere, amare e servire Dio.
Le croci più grosse e più pesanti caddero, una dopo l’altra dalle sue spalle e gli rimase soltanto quella di Gesù.
Questa se la tenne stretta al cuore fino all’ultimo giorno della sua vita, e quando arrivò al termine del viaggio, quella croce gli servì da chiave per aprire la porta del paradiso.


(fonte sconosciuta)

lunedì 4 giugno 2012

Il prete e gli altri (D. Mosso, La Messa e il Messale n. 2, LDC 1985)

Mi hanno raccontato che un pio sacerdote (il quale celebrava la messa con molta devozione, senza mai distogliere lo sguardo dall'altare) un giorno, avendo pronunziato la rituale formula di saluto all'inizio della messa: «II Signore sia con voi», senza alzare gli occhi dal libro, si è sentito rispondere da qualche fedele un po' birichino: «E con il tuo messale!».

Certo, per celebrare l'Eucaristia come si deve ci vogliono raccoglimento e devozione. La messa — nei giorni festivi come nei giorni feriali — è sem­pre una cosa seria. È sempre memoriale della mor­te e risurrezione del Signore, «azione sacra per eccellenza», come dice il Concilio (Costituzione sulla liturgia, 7). Il fatto di celebrare l'Eucaristia anche tutti i giorni non deve assolutamente offu­scare in noi preti la coscienza del mistero più gran­de di noi, che si compie attraverso i nostri gesti e le nostre parole.

«Age quod agis», dicevano i Romani come re­gola generale di comportamento. Che, tradotto in saggezza piemontese, suona: « Varda lòn che 't fai!», come mi son sentito dire tante volte a casa mia da bambino... e anche dopo: bada a ciò che stai facendo.

Se questa regola vale in ogni circostanza, vale ancora di più quando «diciamo messa». Ma è proprio l’«attenzione» a ciò che si sta facendo, è proprio la chiara consapevolezza di ciò che si­gnifica «dir messa» a non permettere al sacer­dote di isolarsi in se stesso quando celebra l'Eu­caristia, se vuole svolgere veramente bene il suo ministero.

Si suppone, infatti, che normalmente il prete non sia solo, quando celebra la messa: poche o tante che siano, normalmente sono presenti con lui altre persone. Queste altre persone non devono semplicemente «assistere» a un rito che compie il prete. E non è neanche sufficiente dire che de­vono «parteciparvi», ma sempre partendo dal­l'idea che, in fondo, «è il prete che dice messa»: la partecipazione della gente avverrebbe soltanto come un «di più», come un elemento aggiunto dal di fuori al rito - di per sé autonomo e auto­sufficiente - compiuto dal sacerdote.

Per dirla in parole semplicissime: è necessario che tutti quanti - sacerdoti e fedeli - ci abituiamo a pensare alla messa non come un rito che fa il prete, ma come una preghiera che si fa tutti in­sieme, sotto la guida del sacerdote. Una preghie­ra-azione ( = una «celebrazione») che coinvolge insieme il sacerdote e tutti i presenti (non importa se pochi o molti) in un rapporto così profondo, da essere come le diverse membra di un unico corpo quando si compie un'azione impegnativa contem­poraneamente sul piano fisico e su quello spiri­tuale.

La messa si fa insieme: il sacerdote con i fedeli, i fedeli con il sacerdote. Compito del sacer­dote non è quello di «isolarsi» dalla gente (sia pure con la buona intenzione di un più profondo raccoglimento), ma quello di «immedesimarsi» nell'assemblea presente, sentirsi una cosa sola con tutti e farsi carico della preghiera di tutti, diven­tarne animatore e interprete. Questo significa «presiedere l'assemblea».

Punto di riferimento principale del sacerdote nel celebrare la messa non deve essere il messale, ma i fedeli presenti. «II Signore sia con voi» è un saluto e un augurio vero: si dice guardando in faccia i «voi» a cui ci si rivolge, non tenendo gli occhi incollati al messale! E la stessa cosa vale an­che quando si usano le formule più lunghe propo­ste dalla nuova edizione del messale (pagine 293-294)... magari con un piccolo sforzo di memoria!

In un modo o nell'altro, in tempi vicini o in tempi lontani, tutti noi preti abbiamo «imparato a dir messa». Forse però abbiamo ancora molto da imparare per quanto riguarda «l'arte di pre­siedere le assemblee liturgiche» — come ci ricor­dano i nostri Vescovi — «al fine di renderle vere assemblee celebranti, attivamente partecipi e con­sapevoli del mistero che si compie» (Commissione episcopale per la liturgia, « II rinnovamento litur­gico in Italia », n. 7).

venerdì 24 giugno 2011

Amo l'amore

Amo la vita,
amo l'amore,
amo chi lo dona,
chi lo detiene e chi lo regala.
Amo chi sa amare,
amo chi mi ha amato
e amo chi mi ama;
chi ama me ama anche gli altri,
amo gli altri più che me stesso,
amo chi ama gli altri
come fossero la stessa persona.
Amo chiunque sappia cosa sia l'amore
e conosca la sua potenza
e per quello vive,
vive finchè avrà l'ultima goccia
di quella linfa
che non avrà mai fine dentro se stessi.
(Delli Carri C.)

sabato 28 maggio 2011

La verità

Il male del mondo
è poter nascondere la verità...
non serve celare il falso
quello lo comprendiamo sempre.
(C. Delli Carri)

martedì 24 maggio 2011

La Crus: Io confesso

video

Lo so di aver sbagliato
e so cosa dirai,
lo so di aver sbagliato, e sono qui;
ma chi non sbaglia mai?
Lo so di aver tradito,
ma tradire poi cos’è?
Non credo nel peccato, amore mio
perché non credo in Dio.
Ho una frase sopra un muro
quando l’ho scritta non lo so,
posso resistere a tutto
ma alle tentazioni no.
Ma chiamerai il mio nome,
lo so che lo farai;
non c’è nessun altro mondo
così vicino a te,
che è così uguale a me
e un’altra possibilità
io la voglio.
Non posso farne a meno del tuo amore, impazzirei;
ma perdermi tra i sensi, mi divora
e io non cambio mai.
Ma chiamerai il mio nome
lo so che lo farai,
non c’è nessun altro mondo
così vicino a te,
che è così uguale a me
e un’altra possibilità
io la voglio.